UN BRAND PIU’ FORTE? QUESTIONE DI TATTO!

Il mondo della comunicazione tocca il futuro con mano offrendo ad esercizi commerciali ed aziende nuove sorprendenti potenzialità: è iniziata l’era della tecnologia Touch Screen per tutti. Ed è così che quei dispositivi che fino a qualche anno fa vedevamo nei film di fantascienza oggi fanno il loro ingresso nella quotidianità dando agli acquirenti un nuovo strumento di informazione e alla marca una nuova forza. Precursori del trend, gli USA e Londra hanno aperto le porte all’interazione digitale nei centri cittadini e, recentemente, il nuovo fenomeno sta prendendo piede anche in Italia: a breve saranno sempre di più, ad esempio, le vetrine interattive capaci di comunicare con i passanti.

Visto il calo costante di interesse dei consumatori verso i punti vendita - in parte per il dilagare dell’e-commerce, in parte perché gli approfondimenti sui prodotti ormai avvengono via web - il marketing ha fatto ricorso alla nuova tecnologia per creare nuovi stimoli e nuovi strumenti capaci di attrarre, stupire, coinvolgere il potenziale acquirente, appagando così quella voglia di novità che c’è un po’ in tutti noi. Una necessità avvertita in seguito al cambiamento dei costumi e delle abitudini causato dall’avvento dei moderni strumenti digitali (iPad, iPhone, Smartphone) che ci hanno abituati ad avere informazioni veloci e subito accessibili.

 

La tecnologia Touch Screen rappresenta dunque un nuovo mezzo di Proximity Marketing (attività che mira a coinvolgere il passante/visitatore e ad attirare la sua attenzione nel momento in cui si trova in quel determinato luogo) ad alto livello di flessibilità e personalizzazione.

Ma come funzionano le vetrine interattive?

Si basano su una tecnologia che sfrutta una pellicola che, grazie ad una retroproiezione, permette di trasformare il vetro in una superficie dinamica. Il potenziale cliente vedrà dunque un filmato con il quale potrà interagire e sarà libero di consultare il catalogo prodotti del negozio, conoscere prezzi, taglie, colori disponibili, promozioni, eventi e qualsiasi altra informazione che l’esercente deciderà di veicolare. Con tale sistema sarà come se il punto vendita restasse aperto per 24 ore sette giorni su sette, offrendo al consumatore un’esperienza emozionale e coinvolgente.

 

Ma questa innovativa tecnologia non si applica solo alle vetrine: esistono ad esempio dei totem dotati sempre di schermi Touch Screen posizionabili all’interno a all’esterno dei negozi, che allo stesso modo hanno lo scopo di incuriosire o intrattenere la clientela. Idem dicasi per i chioschi da collocare in aree ad alto transito, che diventano un punto informativo di ultima generazione. Ma c’è di più: anche tavoli, pareti e pavimenti possono trasformarsi in superfici intelligenti predisposte per l’interazione. Nel caso dei pavimenti, è perfino possibile proiettare scenari diversi e di grande effetto come cascate d’acqua o colate di lava, o addirittura i background possono modificarsi al passaggio delle persone mostrando ad esempio fiori che sbocciano tra i piedi o tracce di impronte che restano magicamente impresse sul percorso.

Inutile dire che si tratta di uno strumento di comunicazione davvero efficace anche per le fiere e gli eventi: chi lo utilizza, infatti, sarà sicuro di attrarre l’attenzione dei visitatori e trasmetterà un’immagine all’avanguardia, efficiente e dinamica.

I benefici di cui può godere il brand affezionato al sistema Touch, quindi, sono facilmente intuibili: innanzitutto il cliente diventa partecipe aumentando la sua soglia di attenzione e, conseguentemente, la fidelizzazione; la marca, inoltre, sarà più facilmente memorabile trasmettendo in modo incisivo e targetizzato il messaggio da veicolare. Un modo, in fine, per dare una percezione alta dell’immagine aziendale e rafforzare il proprio posizionamento, per distinguersi dalla concorrenza e per creare stupore e passaparola aumentando velocemente i contatti.

Tag dell'articolo ricavati in automatico: interazione | marketing | brand | comunicazione |

La nostra community

    Luca Oliverio
    Claudio Capovilla
    Salvatore Pipero
    Paolo Arfelli
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Gianluigi Zarantonello
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Luigi De Luca
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Alessandro Mirri
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency
    Giovanni Ciardulli
    Giovanni Cappellotto
    Ateneo Impresa

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts