Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

756 SHARES

Il principio 80/20 per vendite e marketing

17/04/2019 49560 lettori
5 minuti

Il principio 80/20 per vendite e marketing. La guida definitiva per lavorare meno e ottenere di più è un libro di Perry Marshall uscito in edizione italiana per ROI Edizioni nel 2018.

L’autore considerato uno dei massimi esperti mondiali delle campagne pubblicitarie su Google e da questo punto di vista fa anche consulenza rispetto alle dinamiche che determinano il funzionamento di AdWords.

Il principio 80/20 a cui si fa riferimento nel titolo però viene da ben prima dell’avvento di Google: si tratta infatti la legge di Pareto che evidenzia come “circa il 20% delle cause provoca l’80% degli effetti”.

PERCHÉ IL PRINCIPIO DI PARETO

Secondo l’autore la vera forza del principio di Pareto sta nel fatto che è possibile ignorare il 80% delle cose preoccupandosi solo del 20% e il principio funzionerà ugualmente.

La legge dell’economista italiano si applica poi a tutti gli ambiti aziendali e questo vuol dire che ciò che conta nel business non è lineare ma esponenziale, dunque legge dell’80/20 si basa sulle leggi di potenza, in particolare sulle potenze di 10.

Per farlo funzionare meglio quindi occorre selezionare non investendo tempo su tutti i clienti ma inviando dei segnali ai potenziali per poi vedere chi risponde e concentrarsi solo su di essi.

COME SI APPLICA AL MARKETING (E ALLE VENDITE)

Secondo l’autore tutto ciò che avviene nelle vendite e nel marketing si riassume in quello che lui chiama triangolo del valore: traffico, conversione, economicità e il loro rapporto nella proporzione 80/20.

Ragionando in ordine sequenziale prima c’è il traffico poi c’è la conversione e infine c’è l’economicità che però secondo libro va messa al primo posto, nei suoi due aspetti ossia il denaro che viene ricavato è il valore che invece ricevono i clienti in cambio dei loro soldi.

Inoltre non basta selezionare i clienti potenziali di maggior valore ma occorre sviluppare una propria unique selling proposition (USP) per il proprio prodotto che deve dialogare con la USP personale dell’individuo che vende.

TESTARE, MIGLIORARE E ANDARE OLTRE

 

Dal momento che Marshall ha costruito il proprio successo lavorando sull’advertising online non stupisce il fatto che ponga molta attenzione al principio di procedere per test e miglioramenti successivi.

Meno intuitivi sono alcuni ragionamenti come quelli di “licenziare” i clienti problematici e addirittura il 10% dei dipendenti che rendono meno, nell’ottica di migliorare sempre.

Ancora, seguendo i meccanismi di moltiplicazione anche rispetto ai processiè possibile, secondo Marshall, migliorare metà del lavoro ottimizzando il 5% di maggiore importanza, dato che “ci sono migliaia di cose da misurare testare ottimizzare in modo che quelli che contano sempre comunque davvero sono solo tre o quattro”.

Il volume in realtà è molto ricco di esempi e di numeri che possono essere applicati alle proprie esigenze, grazie anche a una serie di risorse online messe a disposizione dell’autore.

La matematicità espressa nel libro si applica soprattutto, a mio avviso, a un mondo di advertising online e di marketing e vendite molto numeriche.

In ogni caso con i dovuti adattamenti trovo che alcuni di questi concetti possono essere utili in tutto gli ambiti aziendali.

 

Gianluigi Zarantonello via https://internetmanagerblog.com 

Gianluigi Zarantonello
Gianluigi Zarantonello
Blogger | Mobile Application Developer

Gianluigi Zarantonello, laureato in Scienze della Comunicazione (indirizzo Comunicazione Istituzionale e d'Impresa),

-Nato a Valdagno(VI), ora vivo a Padova.

Formazione

  • 2004: Mi sono laureato in Scienze della Comunicazione a Padova con 110 e lode, indirizzo comunicazione istituzionale e d'impresa.

    La tesi di laurea aveva come titolo "La valorizzazione del territorio come strategia competitiva nel mercato globale del lusso. I casi Artigiana Sartoria Veneta, Salviati e Cipriani Industria" (consulta la tesi su Tesionline).
  • Giugno 2006: Ho seguito il corso intensivo di due giorni (full time) Web Marketing One to One organizzato da Sito Vivo srl (riservato ai partner ed ai consulenti dell'azienda)
  • Maggio 2006: Ho seguito il corso intensivo di un giorno (full time) “Oltre l’efficienza verso l’orlo del caos: può la complessità semplificare la vita?” organizzato dalla Scuola di Alta Formazione FormTeam e da CampusWeb
  • Marzo 2006: Ho seguito il corso intensivo di due giorni (full time) NPL School: Time management e Leadership organizzato dalla Scuola di Alta Formazione FormTeam a Palmanova (Udine)
  • 2004: Nell'ambito di Webbit a Padova ho conseguito le certificazioni "Crm e marketing one to one" e "Web marketing: strumenti utili".
  • 2003: Nell'ambito di Webbit a Padova ho conseguito la certificazione "Nuove strategie di marketing".
  • 1999: Mi sono diplomato al Liceo Classico "G.G.Trissino" di Valdagno (VI) col punteggio di 100/100.
Esperienze professionali
Vedi Curriculum >>

I miei interessi principali riguardano il marketing e la comunicazione attraverso i nuovi media, in special modo la Rete.

Sono infatti convinto che quest'ultimi spesso non siano ancora sufficientemente organizzati e quindi non in grado di promuoversi e di essere conosciuti dalle aziende, fatto abbastanza paradossale per dei comunicatori!

Per le mie altre esperienze si veda il sito personale alla voce curriculum.