...

L’importanza della coerenza comunicativa

Trasmettere un’idea di coerenza è fondamentale in molti campi e spesso indizio di solidità e affidabilità. In un’azienda il concetto di coerenza comunicativa assume una valenza strategica, determinante ai fini del raggiungimento degli obiettivi prefissati in termini di visibilità e marketing. Capire cosa si nasconde sotto questo concetto e sfruttarlo nel modo corretto è alla base del successo di un brand nel tempo.

Un’azienda con una forte brand identity è facilmente riconoscibile e, ancora più importante, inconfondibile. L’originalità di contenuti ed elementi grafici proposti è essenziale non solo per colpire l’attenzione del pubblico, ma anche per affermarsi e distinguersi, nel senso proprio del termine, dai competitor. Ma questo può non bastare. Perché la comunicazione sia davvero efficace e per ottenere i migliori risultati in questo campo serve coordinazione tra i mezzi utilizzati per farsi conoscere. L’azienda non dovrebbe cioè limitarsi a scegliere un’immagine che ne rispecchi a pieno l’identità, ma anche declinarla in modo coerente e sempre riconoscibile dal pubblico, indipendentemente dal canale utilizzato per raggiungerlo. Si pongono così le basi per la fidelizzazione della clientela e per il successo di campagne pubblicitarie volte ad ampliarla.

Logo e immagine coordinata

Sottovalutare l’importanza del logo aziendale o ricorrere a soluzioni improvvisate e “facili” è un errore non da poco in termini di visibilità e marketing, così come trascurare il concetto di immagine coordinata, ovvero di un sistema coerente di richiami a livello di colori e grafica, che segua il filo di tutte le forme di comunicazione utilizzate: sito web, biglietti da visita e carta intestata, ma anche brochure, insegne, fino ad arrivare ai gadget pubblicitari.

Naturalmente il concetto di coordinazione deve estendersi anche ai canali attraverso i quali si sceglie di veicolare il proprio messaggio, siano essi puntati a incrementare la notorietà e intercettare nuovi segmenti di pubblico oppure sviluppati per consolidare e rinforzare l’interesse di una clientela già acquisita. Il discorso resta in sostanza valido sia per i canali più tradizionali, come tv e giornali, sia per le più moderne campagne digitali. In tutte queste situazioni, se è stato eseguito un buon lavoro nell’elaborazione del logo e in termini di immagine coordinata, i clienti arriveranno a riconoscere l’azienda a colpo d’occhio, ne memorizzeranno inconsciamente i tratti salienti e la distingueranno facilmente dalla concorrenza.

Per creare un logo o avviare un restyling di un logo già esistente, come anche per progettare un’immagine coordinata dell’azienda, è bene rivolgersi a professionisti del settore in grado di individuare la chiave esatta per valorizzare e tradurre visivamente il messaggio aziendale. “Un gioco di squadra che vede coinvolti diversi attori - come spiega l’agenzia pubblicitaria Spada Media Group - Mentre i graphic designer si occupano dell’elaborazione del logo e dei suoi adattamenti necessari e finalizzati all’immagine coordinata, curando il brand book con tutte le linee guida utili per il cliente,  il copywriter lavora sulla parte testuale seguendo sempre un principio di coerenza. L’account manager , infine, fa da ponte tra queste due figure e il cliente, gestendo le diverse fasi della creazione”.

Cosa fa di un logo “un buon logo”

Lo studio preliminare - La creazione non può prescindere da uno studio accurato che tenga conto dello stile e del linguaggio che l’azienda si propone di portare avanti, e che le consente di differenziarsi dai concorrenti.

L’equilibrio tra le parti - L’estetica del logo gioca un ruolo significativo insieme alla capacità di veicolare un messaggio chiaro e distintivo. Un logo esteticamente valido e articolato ma poco leggibile finirebbe per essere difficile da memorizzare e riconoscere, e quindi meno efficace. Appeal e semplicità devono fondersi trovando il giusto equilibrio per un risultato originale e d’impatto.

La resistenza nel tempo - Pur essendo ovviamente possibili, e a volte doverose, operazioni di restyling che rispecchino i cambiamenti avvenuti o in atto, individuare una formula vincente che duri nel tempo è sicuramente un vantaggio.

La versatilità - Un buon logo deve essere pensato per adattarsi ai diversi formati di tutti i canali comunicativi che lo ospiteranno e attraverso i quali verrà diffuso, dai più tradizionali ai più innovativi. Nel caso di una pagina o di una campagna sui social network, considerate le quantità  di immagini e icone giornalmente sottoposte agli utenti individuati come possibili clienti dell’azienda, avere un logo immediatamente riconoscibile indipendentemente dalle dimensioni e dal colore non può non fare la differenza.

La nostra community

    Claudio Capovilla
    Luca Oliverio
    Angelo Schillaci
    Gianluigi Zarantonello
    Salvatore Pipero
    adolfo tasinato
    Paolo Arfelli
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Luigi De Luca
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Alessandro Mirri
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency
    Giovanni Ciardulli

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts