Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

756 SHARES

Ai Brands. Ripensare le marche nell’economia algoritmica

04/05/2021 4829 lettori
5 minuti

Ai Brands. Ripensare le marche nell’economia algoritmica è un libro di Alessandro Giaume, Alberto Maestri e Joseph Sassoon, uscito per Franco Angeli nel 2021.

Si parla sempre molto, con interesse e talvolta a sproposito del ruolo dell’intelligenza artificiale nel nostro futuro, mentre come giustamente ricordano i tre autori queste tecnologie sono già tra noi molto più di quanto ci si renda conto, con un impatto decisamente forte sulle marche e la loro relazione con i consumatori.

GLI ALGORITMI SONO I NUOVI DESTINATARI PER I MESSAGGI DEI BRAND?

Come ricorda Alberto Maestri nella prima parte del libro siamo oggi in un tempo in cui le piattaforme tecnologiche sono un attore economico fondamentale e di conseguenza la visibilità dei prodotti e dei servizi dei brand transita per i loro algoritmi (si pensi ai brani musicali con Spotify).

Per tali ragioni si può arrivare a dire che, con gradi crescenti, sono le intelligenze artificiali quelle che devono essere convinte della bontà di un brand da proporre, non tanto e solo gli umani che ne fanno uso.

Una prospettiva un po’ inquietante ma non priva di fascino, sperando poi che questo strapotere venga mitigato da una sana educazione all’uso delle infinite possibilità tecniche odierne.

E sicuramente questa situazione è un altro elemento di quella complessità mascherata da semplificazione che è tipica della marketing technology e delle marketing cloud.

LA SONIC IDENTITY

Nella seconda parte del libro Joseph Sassoon porta il focus su un particolare tipo di AI che si lega in modo particolare al brand: gli assistenti digitali e l’intelligenza artificiale conversazionale.

Da tempo ormai la comunicazione unidirezionale di marca tipica dei mass media è stata affiancata da quella digitale dove il controllo del messaggio è molto meno netto e la supremazia narrativa dei brand è diventata condivisione narrativa con i clienti.

Nel momento in cui diventa possibile conversare con un brand attraverso il suo bot o la sua interfaccia vocale le aziende si devono porre non solo il problema del tono di voce ma anche della voce stessa, la sonic identity, che dovrà differenziarsi dai competitor e trasmettere le giuste sensazioni ai consumatori.

Un nuovo terreno di competizione, sia per la marche del lusso, che sono oggetto di approfondimento specifico nel capitolo, sia per tutte le altre merceologie.

AI, UMANI E ORGANIZZAZIONI

Infine Alessandro Giaume nella terza e ultima sezione del volume porta la nostra attenzione anche sulle persone e le organizzazioni, che nel loro assetto attuale spesso non sono adatte alle sfide degli algoritmi (e non solo).

Le intelligenze artificiali in tal senso non devono essere viste come competitori dell’essere umano cui rubano lavoro quanto strumenti per aumentare le capacità liberando tempo dai lavori ripetitivi e ad alto tasso di errore, sempre a patto che poi le persone non siano troppo incasellate e possano esprimere se stesse.

Un altro aspetto interessante che viene approfondito in questa parte del libro è il rapporto tra AI e la creatività, che vi lascio scoprire attraverso la lettura, così come la discussione su hard e soft skill necessarie nel contesto moderno.

In conclusione il libro si presenta molto ricco di riflessioni, oltre che di riferimenti ad altri lavori di ricerca che per motivi di spazio non posso citare in dettaglio, e quindi l’ho trovato una lettura utile ai brand ma anche a tutti noi come consumatori, per leggere con consapevolezza quanto ci succede ogni giorno.

Gianluigi Zarantonello via https://internetmanagerblog.com/

Gianluigi Zarantonello
Gianluigi Zarantonello
Blogger | Mobile Application Developer

Gianluigi Zarantonello, laureato in Scienze della Comunicazione (indirizzo Comunicazione Istituzionale e d'Impresa),

-Nato a Valdagno(VI), ora vivo a Padova.

Formazione

  • 2004: Mi sono laureato in Scienze della Comunicazione a Padova con 110 e lode, indirizzo comunicazione istituzionale e d'impresa.

    La tesi di laurea aveva come titolo "La valorizzazione del territorio come strategia competitiva nel mercato globale del lusso. I casi Artigiana Sartoria Veneta, Salviati e Cipriani Industria" (consulta la tesi su Tesionline).
  • Giugno 2006: Ho seguito il corso intensivo di due giorni (full time) Web Marketing One to One organizzato da Sito Vivo srl (riservato ai partner ed ai consulenti dell'azienda)
  • Maggio 2006: Ho seguito il corso intensivo di un giorno (full time) “Oltre l’efficienza verso l’orlo del caos: può la complessità semplificare la vita?” organizzato dalla Scuola di Alta Formazione FormTeam e da CampusWeb
  • Marzo 2006: Ho seguito il corso intensivo di due giorni (full time) NPL School: Time management e Leadership organizzato dalla Scuola di Alta Formazione FormTeam a Palmanova (Udine)
  • 2004: Nell'ambito di Webbit a Padova ho conseguito le certificazioni "Crm e marketing one to one" e "Web marketing: strumenti utili".
  • 2003: Nell'ambito di Webbit a Padova ho conseguito la certificazione "Nuove strategie di marketing".
  • 1999: Mi sono diplomato al Liceo Classico "G.G.Trissino" di Valdagno (VI) col punteggio di 100/100.
Esperienze professionali
Vedi Curriculum >>

I miei interessi principali riguardano il marketing e la comunicazione attraverso i nuovi media, in special modo la Rete.

Sono infatti convinto che quest'ultimi spesso non siano ancora sufficientemente organizzati e quindi non in grado di promuoversi e di essere conosciuti dalle aziende, fatto abbastanza paradossale per dei comunicatori!

Per le mie altre esperienze si veda il sito personale alla voce curriculum.