...

Santi, Poeti e Comunicatori

È possibile parlare di una legge in maniera da coinvolgere un grande numero di lettori? Il rischio di annoiare potrebbe essere sempre in agguato, ma il tono colloquiale e il linguaggio informale utilizzati da Stefano Martello e Gennaro Pesante, autori di “Santi, Poeti e Comunicatori”, rendono l’argomento affrontato più “leggero” e comprensibile a tutti.
“Santi, Poeti e Comunicatori” è un colloquio informale sulla Legge 7 giugno 2000, n. 150 Disciplina d’informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni. I due autori, avvalendosi del contributo di Isabella Piro, ironizzano su una situazione in realtà molto preoccupante: sono trascorsi quattro anni dall’entrata in vigore della legge e ancora nessuno la conosce, compresi gli amministratori della cosa pubblica, che dovrebbero, non solo conoscerla, ma soprattutto applicarla.
La discussione sostenuta dagli autori porta il lettore a condividere con loro gli stessi stati d’animo: le aspettative elevate nei confronti di una legge che finalmente riconosce, a livello istituzionale, il ruolo del comunicatore; l’entusiasmo iniziale, seguito subito dopo dalla delusione di fronte a una realtà che non rispecchia le proprie attese; fino ad arrivare a una rabbia costruttiva che esorta a non scoraggiarsi, ma a continuare a lavorare “forse un po’ disillusi, sicuramente più forti dentro … più motivati e più consapevoli”.
Gennaro e Stefano analizzano i motivi che non hanno permesso la corretta applicazione della legge: la necessità di un’adeguata formazione del personale, non sempre possibile per carenza di fondi; l’esigenza di assumere esperti in comunicazione attraverso complicati concorsi pubblici; ma, soprattutto, la non conoscenza del settore specifico che induce a considerare chiunque in grado di svolgere il “mestiere della comunicazione”.
Uno dei problemi principali, in realtà, è legato alla stessa formulazione della legge, in cui emerge una confusione fra mondi differenti: giornalismo, comunicazione istituzionale e pubblicità. Si parla, inoltre, di portavoce, di ufficio stampa, senza indicare percorsi formativi specifici e ruoli ben definiti, che evitino conflitti e sovrapposizioni operative.
Le lacune della legge, sostengono gli autori, riflettono un problema a monte: la pubblica amministrazione ancora non è abbastanza matura e pronta per comunicare realmente con i cittadini. Un primo passo è stato fatto: si è compreso che per un miglioramento concreto della vita pubblica è necessario un rapporto più trasparente e chiaro con i cittadini, e si è riconosciuto, pertanto, il ruolo fondamentale che una comunicazione istituzionale efficiente ha nella crescita della società; il passo successivo deve essere quello di “identificare i contenuti e le modalità per presentarli al cittadino”, dandogli realmente la possibilità di partecipare attivamente alla vita pubblica; infine sarà necessaria una riformulazione della legge, in modo da consolidare figure e ruoli, e un monitoraggio costante nel tempo, per verificare gli effetti dell’applicazione della normativa.

L’obiettivo degli autori è quello di far discutere su una legge “poco conosciuta, poco applicata e, soprattutto, poco compresa”, ma di fondamentale importanza per l’instaurazione di un rapporto democratico tra enti pubblici e cittadini. Lo stile  ironico e il linguaggio informale adoperati vanno in questa direzione: coinvolgere i lettori, chi è interessato al mondo della comunicazione, ma anche chi non lo è, ed esortarli a riflettere e a fare delle considerazioni da condividere con altri.

Sono riusciti nel loro intento? L’ironia è vincente: coinvolge, diverte e fa riflettere; ora sta ai lettori continuare il dibattito e, stimolati dalle provocazioni degli autori, trovare le soluzioni più adeguate.

Tag dell'articolo ricavati in automatico: ruoli | stefano | lettere | comunicazione istituzionale | formale |

La nostra community

    Luca Oliverio
    Gianluigi Zarantonello
    Claudio Capovilla
    Luigi De Luca
    Alessandro Mirri
    Stefania Minciullo
    Angelo Schillaci
    Salvatore Pipero
    adolfo tasinato
    Paolo Arfelli
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts