Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

2 SHARES

Il 20 ottobre su 12designer.com è “Start-Up Day”

16/10/2010 14399 lettori
5 minuti
Dopo il successo della prima edizione dello scorso luglio, 12designer presenta il suo secondo “Start-Up Day”, una giornata pensata per supportare le aziende nella fase di avviamento. Dalla mezzanotte alle 23:59 del prossimo 20 ottobre 12designer rinuncerà ad applicare le spese di amministrazione sui progetti 12Plus, così che la presentazione di una nuova gara creativa aperta a tutta la community internazionale del portale che oggi conta quasi 10.000 iscritti sarà completamente gratuita. I numeri parlano chiaro: la prima edizione dello “Start-Up Day” di 12designer è stato un successo. Più di 60 aziende in via di fondazione e provenienti da tutto il mondo, hanno potuto trarre vantaggio da questa iniziativa per far realizzare il proprio logo, il design del loro sito web o far ideare il loro nuovo nome. “È stata una vera sorpresa” commenta Eva Missling, fondatrice e CEO del portale. “L'iniziativa ha avuto un grandissimo impatto nell'ambiente delle start up, perché ha permesso di scoprire 12designer come soluzione dinamica, efficiente e veloce per quei progetti di comunicazione e design che sono normalmente un problema al momento di fondare una nuova azienda. Nuove aziende hanno bisogno di nuovi metodi di lavoro”. Per questo, dallo speciale rapporto tra il crowdsourcing creativo e le start-up, 12designer ha deciso di continuare a supportare le aziende innovative e l'attività imprenditoriale. La piattaforma creativa supporterà la fiera tedesca per l'imprenditoria deGut a Berlino, sarà partner dell'evento Startup Weekend che si terrà in diverse città europee tra cui anche a Milano e Roma e in più presenterà il suo nuovo “Start-Up Day”. Come ha aggiunto Eva Missling “supportare la nuova imprenditoria europea oggigiorno è un obbligo, quando la crisi economica porta ciascuno a cercare soluzioni nuove e creative per stare al passo. E questo è ciò che un approccio convenzionale ai progetti creativi non può offrire”.