Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

2 SHARES

Elezioni comunali a Udine. Vincenzo Martines (Pd): una campagna elettorale che corre sull’online

07/04/2008 30752 lettori
5 minuti

Youtube, sondaggi in Rete, referendum sul web, blog. Queste sono alcune della parole chiave che descrivono la campagna elettorale di Vincenzo Martines, capolista del Partito Democratico per le prossime elezioni comunali, previste nell’election day del 13 e 14 aprile a Udine. E la chiusura sulle tracce di Gorge Clooney, ma carica di ironia e ricca di innovazione con la festa di chiusura campagna elettorale dal titolo “NO MARTINES NO PARTY”.

Le punte di innovazione in particolare per quel che riguarda una campagna locale sono differenti. Quello che emerge non è solo l’utilizzo di youtube che oggi ormai è abbastanza diffuso, ma le modalità con cui viene concepito. Per il sito youtube diventa da un lato uno strumento di dialogo e informazione e dall’altro naturalmente un canale per attivare la viralità in un particolare audience di elettori, ovvero i più giovani, ma non solo. Le istruzioni per il voto date dal candidato stesso attraverso un video sono una comunicazione di pubblica utilità. A Udine i cittadini si trovano di fronte a cinque schede al momento del voto: Camera, Senato, Regionali, Provinciali e Comunali. Per supportare il cittadino al momento del voto Vincenzo Martines è ricorso a una comunicazione di pubblica utilità fatta attraverso l’online. Un video dal taglio giovane e dinamico per offrire al cittadino un vademecum leggero e facile da consultare.

Il portale se si osserva la data degli articoli anche quelli in archivio parte da lontano e non sembra creato ad hoc per le comunali, ma che ha una visione a 360 gradi e non si concentra eccessivamente sulla sfida elettorale. Il portale è completo di informazioni dagli appuntamenti, alle cose fatte, al materiale di comunicazione per la campagna elettorale. Ma oltre a questo presenta anche delle rubriche cariche di appesale che danno una sguardo anche oltre i confini locali come diamo i numeri (articoli sui sondaggi riguardanti i temi in agenda dell’opinione pubblica) e un bollettino settimanale sulla campagna elettorale nazionale in collaborazione con postpoll.it, rivista di analisi e discussione politica di Swg. Un sito che punta sul dialogo l’interattività e la partecipazione per ascoltare il cittadino e in cui tutti gli articoli sono scritti sul format del blog. Un sito dalla grafica giovane e con una forte Innovazione di linguaggio, che è calibrato sulle esigenze del web.

Una comunicazione efficace, però, che ha saputo anche alleggerire il cima da campagna elettorale con l’ironia e sempre puntando sul web. Sulle tracce di Gorge Clooney per chiudere questa campagna elettorale. Uno slogan indovinato per il party all’americana di chiusura campagna elettorale “NO MARTINES NO PARTY” e un invito a tutti i giovani direttamente dal candidato con un video su you tube.

Il portale parla ai cittadini con la multimedialità e puntando con forza sulla mailing list per creare la viralità e il passaparola. Una comunicazione politica, che ha una visione elettorale, ma che diventa anche servizio e dialogo.

 

www.vincenzomartines.com

 

invito_festa

 

Andrea Altinier
Andrea Altinier

Andrea Altinier, laureato in Scienze della Comunicazione, vive e lavora tra Trieste, Udine e Treviso.

Ha collaborato con il Comune di Udine per la realizzazione del Bilancio Sociale. Consulente della società di ricerca Swg di Trieste, segue, tra l’altro, la redazione della rivista di comunicazione politica on line www.postpoll.it.

Ha seguito come spin doctor alcune campagne elettorali locali.

Collabora con alcune testate locali e scrive di comunicazione politica e nuovi media sul sito www.politicaduepuntozero.it.

Cura una rubrica su www.comunitazione.it. Espero di comunicazione politica e di giornalismo on line. In uscita a settembre edito Franco Angeli, Comunicare la politica (edizione aggiornata), scritta in collaborazione con Luca Gaudiano e Francesco Pira.