Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

2 SHARES

Il Gioco delle Alleanze: come trasformare fornitori in partner per una strategia vincente

07/11/2023 626 lettori
4 minuti

Immaginate di aprire una partita di scacchi: ogni mossa è calcolata, ogni pezzo ha un ruolo strategico. Ora, pensate se poteste trasformare i vostri pezzi in veri e propri alleati, pronti a combattere al vostro fianco per la vittoria. Non è così diverso nel mondo degli affari. Quando consideriamo un fornitore come un semplice pezzo da muovere sulla scacchiera, perdiamo una grande opportunità: quella di trasformarlo in un partner. Ecco perché è cruciale comprendere la differenza tra un partner e un fornitore.

Con l'energia di una squadra di basket che punta a vincere l'anello del campionato, un'azienda deve muoversi verso obiettivi comuni, mettendo in gioco tutte le sue risorse. "Il triangolo è il simbolo perfetto... L'ho usato come metafora per insegnare i punti salienti del gioco di squadra", scrive Phil Jackson nel suo libro "Undici Anelli". Come in una squadra di basket, in una partnership aziendale, l'allineamento di obiettivi comuni è un cardine per raggiungere traguardi superiori.

Non si può quindi trattare di un mero fornitore, ma di un vero e proprio partner strategico che si mette sulla stessa scrivania dell'azienda - inteso come luogo metaforico dove si raccolgono problemi, temi e sfide.

Insieme, scovano soluzioni creative che creano valore e arricchiscono il brand. Come un maestro del tai chi che movimenta energie invisibili, il brand experience designer dirige l'orchestra dell'esperienza del marchio, costruendo un ponte tra la strategia aziendale e il design. Marty Neumeier, nel suo libro "The Brand Gap", ci dice che questa figura è fondamentale per superare il divario tra strategia e implementazione.

David Aaker, nel suo libro "Building Strong Brands", sostiene un'idea simile: il brand experience designer è un "costruttore" che sa interpretare il linguaggio del mercato, dei consumatori e del brand stesso.

Una partnership non è solo un accordo sulla carta, ma un rapporto di fiducia e comunicazione continua. Andrew Carnegie diceva: "La fiducia reciproca è un elemento fondamentale in una partnership". È come un ponte, un collegamento solido che resiste al flusso del tempo e delle sfide che si presentano.

Le risorse, in questo gioco, sono come gli strumenti a disposizione di una squadra. Richard Branson afferma: "Le partnership forti si basano sulla condivisione delle risorse". E così, finanziamenti, competenze, tecnologia, reti di contatti diventano come un palleggio, una schiacciata, una difesa: strumenti per arrivare alla vittoria.

Ma una vera partnership non si accontenta solo di condividere risorse: va oltre, alla ricerca dell'innovazione. È un terreno fertile per nuove idee, come sostiene Sheryl Sandberg: "Le partnership di successo favoriscono l'innovazione attraverso lo scambio di idee e l'esplorazione di nuove opportunità". Così come in un team sportivo, la volontà di sperimentare e migliorarsi porta a vantaggi competitivi significativi.

Simon Sinek, autore di "Start with Why", afferma: "La forza di un team deriva dalla fiducia reciproca e il coraggio di sfidare lo status quo". Questa è la vera essenza delle partnership: fiducia, coraggio, sperimentazione. Con queste qualità, le aziende possono superare le sfide, raggiungere risultati straordinari e rimanere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Riflettiamo un attimo sulla figura del fornitore. Come un pezzo sulla scacchiera, il fornitore rimane statico, attende mosse, aspetta ordini e commissioni. È un'entità che calibra la propria performance sulla quantità di denaro che riceverà, non sulla qualità del successo condiviso.

Al contrario, un partner non si limita a attendere input, ma diventa un attore proattivo nella partita. Misura il successo non solo in termini di guadagno economico, ma considera la qualità del risultato, l'impatto della collaborazione, la crescita reciproca.

Ecco perché è così importante scegliere partner, non fornitori. Perché in un mondo in continua evoluzione, l'abilità di costruire relazioni solide e reciprocamente vantaggiose è la chiave del successo duraturo. Quindi, la prossima volta che vi troverete di fronte alla scacchiera del business, ricordate: non si tratta solo di muovere i pezzi, ma di costruire alleanze.

Luca Oliverio
Luca Oliverio

Luca Oliverio è il founder e editor in chief di comunitazione.it, community online nata nel 2002 con l'obiettivo di condividere il sapere e la conoscenza sui temi della strategia di marketing e di comunicazione.

Partner e Head of digital della Cernuto Pizzigoni & Partner.

Studia l'evoluzione sociale dei media e l'evoluzione mediale della società.